Appesi a un Filo – personale di Elham M. Aghili

ID Evento 130900

Informazioni

Data Inizio
30-03-2019

Data Fine
24-04-2019

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
347 177 6001

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
SCD Textile & Art Studio - via Bramante, 22 - Perugia

Orario
inaugurazione 17:00

Ingresso
gratuito

Totale voti: 28 - Rating: 3.2
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Dal 30 marzo al 24 aprile 2019 sarà in mostra presso SCD Textile & Art Studio di Perugia l’installazione modulare site specific dal titolo Appesi a un Filo di Elham M. Aghili, la fiber artist italo-iraniana cresciuta tra i fili e i colori dei tappeti persiani che crea complessi ed articolati giardini tessili, metafore delle molte istanze della contemporaneità. Una flora resa con meticolosa precisione, capace di sbocciare da qualsiasi anfratto, di crescere rigogliosa da radici immaginarie infiltrate in muri senza crepe, in pavimentazioni senza buche. Una natura composta di moduli sempre uguali a se stessi che però si scompone e ricompone diversamente ogni volta dando vita a inaspettate scenografie. La Aghili rappresenta la forza della vita che vince ogni limite, supera ogni confine, riscatta l’abbandono, così racconta la società contemporanea in cui le culture si intrecciano e si contaminano generando inedite composizioni umane, colorate, vivaci, innovative.

Nondimeno così racconta anche le fragilità del nostro tempo liquido dominato dai cambiamenti, da un futuro incalzante che spodesta velocemente il presente e dimentica troppo spesso il passato, artefice di un’umanità in movimento, dalle radici corte e dalle poche sicurezze che come i girasoli si muove, alla ricerca di nuovi equilibri, inseguendo il sole, promessa di vita e di prosperità. Siamo, tutti, appesi a un filo, appunto, benché nella frenesia delle nostre vite se ne smarrisca sovente la consapevolezza. Eppure è proprio quel filo che superata la propria esile natura, diventa continuità, legame, forma ed il filo diviene sintesi dell’esperienza personale dell’artista, divisa dalla doppia cultura di cui è figlia. Attraverso il filo che diventa materia, solida e radicata, l’artista rintraccia e definisce i contorni della propria identità.

Elham M. Aghili, nata in Italia, di origini persiane, dopo gli studi liceali a Teheran ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Bologna. La sua installazione Invasioneintegrazione esposta a Tramanda Fiber Art Exhibition a Chieri presso il Museo Tessile è stata selezionata tra le Top5 della Chieri Young Fiber Contest – Marialuisa Sponga Award. Tra le ultime partecipazioni, È qui il paradiso presso la Galleria L’Ariete Arte Contemporanea Bologna, a cura di Eleonora Frattarolo; L’amore è trasparente a Rapolano Terme, a cura di Emanuele Giannetti e Yu Wang; alla Fondazione Zucchelli di Bologna in occasione della Bologna Design Week; Miscellanea alla Galleria ArteKyp Modena. Ad ottobre 2018 l’installazione Per filo e per segno è stata allestita ad Amatrice nell’ambito del progetto Sine qua non in occasione della 14 Giornata del Contemporaneo.

Mappa

Centra mappa