Pasolini e le Donne

ID Evento 141165

Informazioni

Data Inizio
28-07-2019

Data Fine
15-09-2019

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
393 671 0042

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
Museo Piemaria Rossi - strada Romea, 5 - Berceto

Orario
10:00-12:30 e 16:00-19:30

Ingresso
vedi sito

Vota l'evento:

Loading...

Descrizione

Il Museo Piermaria Rossi di Berceto (Parma) ospita, dal 28 luglio al 15 settembre 2019, Pasolini e le Donne, mostra promossa dall’Associazione Culturale Sentieri dell’Arte con il patrocinio di Comune di Berceto, Borghi Autentici e Regione Emilia Romagna. Curata da Giuseppe Garrera e Sebastiano Triulzi con opere provenienti dalla collezione privata di Giuseppe Garrera, l’esposizione sarà inaugurata sabato 27 luglio 2019 alle ore 17:30 dove saranno presenti i curatori. L’esposizione sarà visitabile domenica 28 luglio 2019, e dal 1 al 25 agosto con orario 10:00-12:30 e 16:00-19:30, dal 26 agosto al 15 settembre 2019 aperto solo di sabato e domenica stesso orario.

La mostra indaga il rapporto tra Pier Paolo Pasolini e le donne, cioè cosa significa vivere e celebrare la diversità, e quella condizione di inadeguatezza nei confronti dei poteri e dei soprusi. Le donne hanno insegnato a Pasolini un modello di comportamento poetico e civile, l’importanza di non accettare compromessi, di restare fedeli a se stessi. Oltre 90 fotografie originali, prime edizioni, manoscritti e documenti ripercorrono la speciale genealogia di donne di Pasolini (la madre Susanna, Giovanna Bemporad, Silvana Mauri, Elsa Morante, Laura Betti, Anna Magnani, Silvana Mangano, Maria Callas, Amelia Rosselli, Anna Maria Ortese, Elsa De’ Giorgi, Oriana Fallaci), amori e amicizie che hanno costituito esempi di resistenza al mondo corrente, insegnando una poesia coraggiosa, fieramente diversa e sempre in rivolta.

Il femminile, dunque, come genealogia d’intelletto, e una schiera di donne non addomesticate dalla società borghese e patriarcale. Un’esposizione intima, iconica, che attraverso scatti originali e rari permette di vederli questi legami, di spiare il rapporto e l’intimità di Pasolini con ognuna di queste donne, e di costituire per lo spettatore una processione di idee, di divinità, di modelli o di incarnazioni scomode del femminile. Pur nella concentrazione ed essenzialità, una particolare attenzione viene dedicata ad alcuni legami profondi con figure femminili eccezionali, ancora da scoprire e indagare, prima fra tutte Giovanna Bemporad, Laura Betti, Lorenza Mazzetti e Silvana Mauri.

Mappa