ZANELE MUHOLI. A Visual Activist

ID Evento 150363

Informazioni

Data Inizio
28-10-2020

Data Fine
28-02-2021

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
02 54917

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
MUDEC Museo delle Culture - via Tortona, 56 - Milano

Orario
Lun 14:30-19:30, Mar-Mer Ven e Dom 9:30-19:30, Gio e Sab 9:30-22:30

Ingresso
a pagamento

Vota l'evento:

Loading...

Descrizione

Dal 28 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021 il MUDEC di Milano ospiterà la mostra ZANELE MUHOLI. A Visual Activist. Sonnyama Ngonyama – letteralmente, Ave Leonessa Nera – è il proclama sociale e politico di Zanele Muholi una delle voci più interessanti del Visual Activism. I più importanti riconoscimenti internazionali quali Lucie Award, Chevalier des Arts et Des lettres, ICP Infinity Award hanno premiato il suo lavoro per l’impegno artistico e sociale e mostre nei più prestigiosi musei del mondo celebrano la bellezza struggente e magnetica delle sue opere. Nel lavoro portato al Mudec Photo curato da Biba Giacchetti l’artista del Sudafrica firma una serie di autoritratti che mettono in scena nella loro composizione una vera e propria denuncia a cui lei stessa presta il suo corpo. Muholi ha conosciuto gli anni dell’Apartheid ed è oggi un esponente di spicco della comunità LGBTQI che si espone in prima persona: ogni sua immagine racconta una storia precisa, un riferimento a esperienze personali o una riflessione su un contesto sociale e storico piu’ ampio. Lo sguardo dell’artista inquieta, commuove e denuncia mentre oggetti di uso comune usati in maniera fortemente simbolica sono posti in un dialogo serrato con il suo corpo. La bellezza delle composizioni e il talento assoluto di artista sono per Muholi solo un mezzo per affermare la necessità di esistere, la dignità ed il rispetto cui ogni essere umano ha diritto a dispetto della razza e del genere con cui si identifica. Il suo scopo è la rimozione delle barriere, il ripensamento della storia, l’incoraggiamento a essere se stessi e ad usare strumenti artistici quali una macchina fotografia come armi per affermarsi e combattere. Nelle sue parole: “ …siamo qui, con le nostre voci, le nostre vite, e non possiamo fare affidamento agli altri per sentirci rappresentati in maniera adeguata. Tu sei importante. Nessuno ha il diritto di danneggiarti per la tua razza, per il modo in cui esprimi il tuo genere, o per la tua sessualità, perché prima di tutto tu sei”.

Mappa

Centra mappa