BERLIN 1989. La Pittura in Germania

ID Evento 148310

Informazioni

Data Inizio
12-10-2019

Data Fine
19-01-2020

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
800 454 229

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
Gallerie d’Italia - via Toledo, 185 (Palazzo Zevallos Stigliano) - Napoli

Orario
Mar-Ven 10:00-19:00, Sab-Dom 10:00-20:00

Ingresso
intero € 5, ridotto € 3, gratuito per under 18

Totale voti: 127 - Rating: 3.8
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Annunciato come uno degli anniversari più attesi del 2019, il 9 novembre saranno passati trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino. Nell’intento di raccontare i fermenti della scena artistica tedesca degli anni Ottanta dal 12 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020 le Gallerie d’Italia di Napoli ospiteranno la mostra Berlin 1989. La Pittura in Germania prima e dopo il Muro Negli anni Ottanta la pittura tedesca si impone in tutto il mondo assumendo la denominazione di Neo Espressionismo e i suoi esponenti Neue Wilden, i “Nuovi Selvaggi”, a sottolineare una certa brutalità di una pittura giocata su gesti enfatici e forte impianto narrativo. Emerge presto il gruppo di pittori berlinesi tra cui Rainer Fetting, Helmut Middendorf, Bernd Zimmer che nel 1977 avevano aperto in Kreuzberg la Galerie am Mortizplatz, uno spazio autogestito: pittura ribelle, la loro, che si ispira all’attualità quotidiana dei media, della musica rock, della cultura punk così come ai temi di carattere politico, artistico, mescolando alto e basso in piena temperie postmoderna. Pittura giovane e di culto che in breve dagli spazi off conquisterà mercato, gallerie e musei. Agli inizi degli anni Ottanta alcuni sono già molto famosi: Gerhard Richter, Georg Baselitz e Anselm Kiefer stanno conquistando un posto importante nella storia dell’arte. È poi il turno della generazione più giovane rappresentata da Rainer Fetting, Helmut Middendorf, Bernd Zimmer, Karl Horst Hödicke, Markus Lüpertz, A.R. Penck, Martin Disler, Siegfried Anzinger, Albert Oehlen. Dopo Le mille luci di New York nel 2017 e London Shadow nel 2018, l’esposizione Berlin 1989 chiuderà il trittico di mostre curate da Luca Beatrice e dedicate a quelle città che sul finire del Novecento hanno cambiato la storia dell’arte e non solo perché la rivoluzione estetica in atto nella città tedesca funzionò da grimaldello anche per la rivoluzione sociale.

Mappa