GL’CIERV Il Rito dell’Uomo Cervo – edizione 2020

ID Evento 148704

Informazioni

Data Inizio
23-02-2020

Data Fine
23-02-2020

Categoria
Eventi Folkloristici e Rievocazioni storiche

Telefono
338 778 8993

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
frazione di Castelnuovo al Volturno - Rocchetta a Volturno (IS)

Orario
dalle 15:00 alle 23:30

Ingresso
libero

Vota l'evento:

Loading...

Descrizione

Il rito dell’Uomo Cervo, o meglio de Gl’Cierv, si ripete l‘ultima domenica di carnevale, da un tempo immemorabile, a Castelnuovo al Volturno (Isernia). Dopo il tramonto, l’unica piazza del paese che ha come cornice i monti Marrone e Castelnuovo, appartenenti alla catena delle Mainarde, diventa il pittoresco palcoscenico di una pantomima che coinvolge molti abitanti, sia come protagonisti sia come figuranti. Il rito de Gl’Cierv ha sicuramente due significati reconditi. In primo luogo rappresenta la parafrasi del significato primordiale del carnevale, l’antichissimo mito dionisiaco nel quale il passaggio delle stagioni viene simboleggiato in maniera cruenta e dove, per la rinascita della natura, risulta indispensabile una morte sacrificale. In secondo luogo è la la figurazione di tutto quello che da sempre sconvolge l’animo umano: le radicate paure per l’irragionevole, l’incomprensibile, la violenza selvaggia della natura che sovrasta e, a volte, travolge.

L’origine di questo carnevale, nonostante ogni possibile supposizione, resta oscura. Solo sulla genesi dei personaggi si avanza una qualche ipotesi. Tra essi, sono senz’altro il Cervo, il Martino e il Cacciatore i protagonisti del rito, nonostante la presenza della Cerva, evidentemente assimilabile al suo alter ego maschio e delle comparse come le Janare e il Maone che completano la schiera degli interpreti della pantomima. Coperto di pelli di capra, con volto e mani dipinte di nero, la testa con copricapo di pelle nera, vistose corna di cervo e campanacci legati intorno al corpo, il Cervo scende fra la gente del paese con tutta la sua forza distruttrice di animale feroc“. La sua presenza scenica è notevole, i suoi bramiti, lo scampanio, il suo folle dimenarsi e rotolarsi accrescono la valenza malefica della maschera. Una sorta di pulcinella molisano, il volto truccato e le guance tinte di rosso, Martino è il personaggio che si contrappone alla furia malefica del Cervo: è lui che con fune e bastone riesce dopo una lotta faticosa a catturarlo insieme alla sua compagna.

Mappa