Il Guercino. Opere da Quadrerie e Collezioni del 600

ID Evento 132692

Informazioni

Data Inizio
05-04-2019

Data Fine
30-06-2019

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
0125 833 811

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
Forte di Bard - via Vittorio Emanuele II, 85 (sale delle Cannoniere) - Bard (AO)

Orario
Mar-Ven 10:00-18:00, Sab-Dom e festivi 10:00-19:00

Ingresso
intero € 10, ridotto da € 5 a € 8

Totale voti: 134 - Rating: 3.8
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Protagonista della pittura del Seicento emiliano, Giovanni Francesco Barbieri, detto il Guercino (Cento/Ferrara 1591 – Bologna 1666) nel corso della sua lunga vita realizzò numerose pale d’altare destinate a una fruizione pubblica all’interno di edifici religiosi, a partire dalle chiese di campagna della pianura centese sino alla Basilica di San Pietro in Vaticano a Roma. L’artista fu però molto amato ed ebbe importanti commissioni anche da privati, che chiesero sue opere per arricchire le proprie collezioni e quadrerie. A questo secondo gruppo di dipinti è dedicata la mostra Il Guercino. Opere da Quadrerie e Collezioni del Seicento in programma al Forte di Bard dal 5 aprile al 30 giugno 2019, nelle sale delle Cannoniere.

Tra i 54 capolavori esposti, dipinti di grande innovazione figurativa, riferibili a diverse fasi dell’attività dell’artista, dal vivo colorismo della fase giovanile alla maggiore compostezza classica delle opere tarde. Si tratta di una serie di dipinti di soggetto religioso, mitologico, letterario, di dimensioni variabili a seconda della destinazione all’interno delle quadrerie private dell’epoca. I disegni, che rimasero per la gran parte nel suo studio, costituiscono un’accezione particolare del “Guercino privato”, trattandosi soprattutto di opere che il pittore custodiva personalmente, sia per utilizzarle per creazioni proprie o degli allievi all’interno della propria bottega. La mostra è realizzata in collaborazione con il Polo Museale dell’Emilia Romagna ed è curata da Elena Rossoni e Luisa Berretti.

Mappa

Centra mappa