Moataz Nasr – The Barzakh /Lo Spazio Liminale

ID Evento 136984

Informazioni

Data Inizio
01-06-2019

Data Fine
30-11-2019

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
388 302 6000

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
Castel del Monte - via Castel del Monte - Andria (BT)

Orario
tutti i giorni dalle 10:15 alle 19:45

Ingresso
intero € 10, ridotto 18-25 anni € 3.50

Totale voti: 550 - Rating: 3.7
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Castel del Monte rappresenta non soltanto un esempio di grande architettura del passato, ma piuttosto per la sua singolarità sembra poter sempre più diventare il teatro espositivo d’incontro tra diverse culture, afferma Achille Bonito Oliva. È in quest’ottica che il Polo Museale della Puglia presenta la grande mostra dell’artista egiziano Moataz Nasr (Alessandria d’Egitto, 1961) invitato a dialogare con gli spazi del castello federiciano più affascinante e misterioso. Con la curatela di Achille Bonito Oliva, opere site specific e nuove produzioni danno vita al progetto dal titolo The Barzakh / Lo spazio liminale in programma dal 1° giugno al 30 novembre 2019. Lo spazio liminale, dalla radice latina limen = soglia, è il concetto che indica l’attraversamento di uno spazio di transizione che genera trasformazione, metamorfosi sino a una nuova coscienza e identità. Riportato a Castel del Monte definisce questo particolare spazio architettonico come la soglia tra due diversi mondi, quello Occidentale e Orientale, che si fondono nell’evidente scambio di conoscenza, citazione e contaminazione. L’artista si è a lungo documentato e interrogato sulla filosofia che può aver ispirato la costruzione del castello. “Il suo attraversamento mi ha posto più domande che risposte – ha dichiarato – ho deciso così di lasciare che l’edificio mi parlasse. Già nel cortile interno, che è il cuore del castello, circondato dalla pietra che delimita la visione del cielo ho percepito la sensazione di una soglia che divideva due mondi. È il concetto di spazio liminale, centrale anche nella cultura Sufi che lo chiama “Barzakh”. Può essere stata questa l’ispirazione? Può essere stato concepito Castel del Monte come uno spazio di trasformazione e metamorfosi?”.

L’artista ha così puntato l’attenzione sull’articolazione degli spazi osservando la sequenza di finestre, scale, volte. La celebrazione del dettaglio diventa la strategia creativa di Moataz Nasr che propone nuove forme in una serie di sculture in legno e intarsi di madreperla e conchiglie progettate per il primo piano del castello. Mentre nel grande vuoto ottagonale dell’atrio centrale, l’artista rende omaggio alla relazione culturale tra le religioni attraverso la scultura “Minaret” che richiama nella sua astrazione alla spiritualità della propria origine, nella forma di un minareto di legno e vetro. La magnificenza dell’esterno viene celebrata dell’opera “Maze”, un percorso di prato, realizzato sulla geometria di parole dell’antico carattere cufico che porta al suo interno un messaggio di estrema attualità: “No religione in politica e politica in religione”. Moataz Nasr, artista di fama internazionale, nel suo lavoro multimediale e interdisciplinare e lo sconfinamento dei linguaggi realizza un felice corto circuito tra culture e civiltà. L’intera mostra è un percorso iniziatico che dall’esterno porta all’interno, in un rapporto di scala con l’architettura e la storia, la natura e la memoria che celebra la coesistenza delle differenze.

Moataz Nasr nasce ad Alessandria d’Egitto nel 1961. Ha rappresentato l’Egitto alla 57 ° Biennale di Venezia nel 2017 e partecipato ad appuntamenti internazionali di massimo prestigio come le Biennali di Seoul, San Paolo, Bogotà. Tra le mostre collettive, ricordiamo la partecipazione nel 2010 a “Intramoenia Extra Art” nel Castello Aragonese di Brindisi con la direzione scientifica di Achille Bonito Oliva e la curatela generale di Giusy Caroppo. E tra le più recenti: “The See Is My Land”, a cura di Francesco Bonomi ed Emanuela Mazzonis (MAXXI, Roma, 2013); “Metropoli. Afriques Capitales “, a cura di Simon Njami (La Villette, Parigi, 2017); “Sensi del tempo: video e film d’arte africana” (LACMA e The Smithsonian National Museum of African Arts, Washinton, 2017). Nel 2018 è stato invitato a partecipare alla Biennale di Yinchuan, Cina, a cura di Marco Scotini e alla Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea (ICAE2018) a Yarevan, in Armenia, a cura di Mazdak Faiznia. Tra gli impegni del 2019 la mostra personale in settembre da Galleria Continua a San Gimignano, progetti per Art Dubai Contemporary negli Emirati Arabi, la Cape Town Art Fair in Sudafrica, partecipazioni alla Biennale de L’Havana a Cuba e San Paolo in Brasile.

Mappa

Centra mappa