VERSO ORIENTE. Itinerari Femminili

ID Evento 135196

Informazioni

Data Inizio
16-02-2019

Data Fine
26-05-2019

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
070 936 8128

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
Centro di Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale Giovanni Lilliu - viale Su Nuraxi - Barumini (CA)

Orario
tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00

Ingresso
su prenotazione

Totale voti: 11 - Rating: 2.9
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Dal 16 febbraio al 26 maggio 2019, nel 115° anniversario dalla prima della Madama Butterfly, il Centro di Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale Giovanni Lilliu di Barumini inaugura la programmazione annuale con la mostra VERSO ORIENTE. Itinerari Femminili. Il progetto, curato da Anna Rita Punzo con la consulenza scientifica di Franca Ermini, definisce un percorso polisemico che è al contempo un’escursione nel tempo e nello spazio, un focus sulla figura femminile e sullo sguardo maschile, un viaggio tra le recenti produzioni artistiche di quattro esponenti del panorama regionale: Gavino Ganau, Vincenzo Pattusi, Pietrina Atzori e Barbara Pala.

La quotidianità che emerge dai frames pittorici di Gavino Ganau, accoglie e conduce in un peculiare universo filmico che dal contemporaneo muove a ritroso nel tempo, fino all’America operaia fotografata da Alfred T. Palmer nel ’42. I soggetti ritratti sono esclusivamente donne, forti e vulnerabili, assorte nel lavoro e nei propri pensieri, immerse nello spazio che le circonda e alienate dal contesto, non semplici comparse ma protagoniste, eroine che incarnano caratteri ed emozioni universali. In questa realtà artistica pop e contemporanea, caratterizzata da colori brillanti e piani definiti, si innesca e lentamente propaga lo stesso ‘polline’ leggero che si diffuse nell’Europa di fine ‘800, quel fascino per la cultura giapponese che oggi alimenta nuovi esiti artistici ed ibridazioni originali, come le opere della designer Barbara Pala e della fiber-artist Pietrina Atzori.

Barbara Pala realizza il poetico volo di origami in broccato e damascato, metafora visiva del viaggio Verso Oriente; Pietrina Atzori scrive una preziosa pagina di alta manifattura artistica confezionando un double-kimono Boro Boro da materiali tessili di recupero. L’opera, simbolo di trasformazione e rinascita, incarna l’ossimoro della “perfetta imperfezione“, l’ideale di bellezza proprio dei princìpi etici ed estetici di sobrietà, semplicità e modestia. All’Oriente guarda anche il repertorio di Geishe firmate da Vincenzo Pattusi, una policroma e sensuale galleria di sguardi criptici, gesti accennati e pose ieratiche, in cui convivono armoniosamente sensibilità artistica contemporanea e colto citazionismo. Anche le fanciulle di Pattusi come quelle di Ganau incarnano caratteri ed emozioni universali: sono donne assorte, immerse nello spazio che le circonda ma al contempo distanti da quel luogo, delicate come fiori e robuste come salici, non semplici comparse ma protagoniste di odierni Itinerari Femminili.

Mappa

Centra mappa