CINA. Arte in Movimento

ID Evento 147197

Informazioni

Data Inizio
15-11-2019

Data Fine
31-03-2020

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
095 739 8093

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
Palazzo della Cultura - via Vittorio Emanuele II, 121 - Catania

Orario
tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00

Ingresso
intero € 15, ridotto da € 5 € 10, gratuito per bambini fino a 6 anni

Vota l'evento:

Loading...

Descrizione

Un’immersione visiva ed emozionale nelle ansie dell’Uomo attraverso due percorsi diametralmente opposti: l’immensa e misteriosa Cina con la sua frenesia di movimento alla conquista del mondo dopo secoli di isolamento da un lato e dall’altro il buen retiro polinesiano dell’anima inquieta di Paul Gauguin che da quel mondo confuso decise di ritirarsi tra le bellezze selvagge e seducenti dei Maori, lasciando opere memorabili e suggestive. Una doppia mostra audace quella che i curatori Daniela Arionte, Giacomo Fanale, Giuseppe Frazzetto e Vincenzo Sanfo propongono al Palazzo della Cultura di Catania dal 15 novembre 2019 sino al 31 marzo 2020. Due percorsi diametralmente opposti che attraverso l’arte dei suoi protagonisti prova a descriverli mantenendo eterna la domanda: “Ma quest’Uomo dove può andare per essere felice?”. Entrambe le mostre – accessibili con un unico ticket di ingresso – sono organizzate da Dietro le Quinte Arte contemporanea in collaborazione con il Comune di Catania e Diffusione Italia International Group srl.

La mostra CINA. Arte in Movimento – a cura di Daniela Arionte, Giacomo Fanale, Giuseppe Frazzetto e Vincenzo Sanfo –  propone centinaia di opere ed oggetti per descrivere e scoprire le ansie del popolo cinese che si è messo in movimento colonizzando intere regioni del mondo occidentale rimanendone tuttavia distanti e mantenendo una propria identità quasi imperscrutabile. Da questo percorso corale che sembra identico nelle sue liturgie si stagliano figure artistiche capaci di far riflettere rompendo schemi rigidissim con tutta la loro forza trasgressiva. L’esposizione accompagnerà le opere d’arte contemporanea con esempi di arte antica di alto artigianato e di arte propagandistica relativa agli anni del maoismo e della rivoluzione culturale. Vi saranno opere di artisti fortemente legati alla tradizione culturale e politica del paese ma anche esempi di artisti dissidenti o comunque critici verso la società cinese come Ai Weiwei, Xiao Lu, Song Ypongping – artisti ormai storicizzati e tra i protagonisti della famosa mostra “ Avantgarde“ che si tenne a Pechino con l’occupazione del Museo Nazionale d’Arte e che culminò con l’arresto, da parte della polizia, degli artisti che parteciparono alla protesta messa in atto con quella mostra. Accanto a questi storici artisti vi saranno alcuni dei protagonisti della generazione attuale, meno critica e figlia di questa epoca di apertura economica e di lenta apertura sia sociale che culturale e foriera di un benessere che sta coinvolgendo sempre più larghi strati della popolazione: tra gli altri Zhang Hongmei, Wang Liu Yan, Wu Dewu e Xu Deqi.

 

Mappa