La Presenza e l’Assenza – mostra fotografica su Pietro Cascella

ID Evento 123747

Informazioni

Data Inizio
04-10-2018

Data Fine
04-11-2018

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
0585 490279

Sito Web
Visita il sito

Email
---

Indirizzo
Villa Rinchiostra - via dell'Acqua, 175 - Massa (MS)

Orario
Ven, Sab e Dom ore 16:00-19:00

Ingresso
libero

Totale voti: 65 - Rating: 2.7
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Fino al 4 novembre 2018, la prestigiosa Villa della Rinchiostra di Massa ospita la mostra “La presenza e l’assenza. Pietro Cascella fotografato da Claudio Barontini”. L’esposizione, promossa dal Comune di Fivizzano con il patrocinio della Regione Toscana e con la collaborazione dei Comuni di MassaPietrasanta e Ventasso (RE), narra, attraverso le foto scattate tra il 1994 e il 2008, la quotidianità di Pietro Cascella. Si tratta di rare e inedite immagini, per lo più istantanee, presentate senza seguire una vera e propria linea temporale. Ogni foto, rigorosamente in bianco e nero, “racconta” la concentrazione, il lavoro e la vita di tutti i giorni di uno dei più grandi artisti del XX secolo.

Pietro Cascella è una figura importante nell’ambito della storia della scultura contemporanea. Nel decimo anno dalla sua scomparsa, Massa ricorda come alla fine degli anni settanta del Novecento l’artista conobbe gli amministratori comunali della città che gli illustrarono l’intenzione di realizzare una piazza pedonale, per la quale avevano pensato ad un monumento come perno centrale del progetto. La sua opera “Bella Ciao” fu così collocata in Largo Matteotti, dove tutt’oggi caratterizza quello spazio urbano. L’opera di Cascella,  per il suo valore artistico e simbolico, ormai è sentita come un bene di tutta la comunità ed è molto “vissuta” dai giovani, per i quali costituisce un punto di riferimento e di incontro.

Claudio Barontini con i suoi scatti, racconta il maestro, il suo lavoro, le presenze e le assenze, la pulizia della ricerca e la ricchezza del pensiero; e lo fa come nessun critico e nessun scrittore potrebbe farlo, e neppure nessuna telecamera. Coglie il gesto, l’espressione, la storia personale che diviene visione del futuro. Ecco la magia: consiste nel recuperare ciò che non si vede, dalla poesia di un gesto al sentimento celato da un sorriso, una filosofia dell’arte nell’enigma della mimica, gli oggetti di un laboratorio che non sono inanimati ma personaggi del teatro della vita. Queste immagini ci riportano il meglio del Cascella pensatore prima ancora che scultore, maestro ed artista. Queste immagini ci raccontano l’uomo Pietro Cascella.

Mappa

Centra mappa