Paura della Pittura – personale di Giovanni Blanco

ID Evento 145928

Informazioni

Data Inizio
14-12-2019

Data Fine
11-01-2020

Categoria
Mostre, Mercati e Fiere

Telefono
0932 763 165

Sito Web
Visita il sito

Indirizzo
LO MAGNO ARTE CONTEMPORANEA - via Risorgimento, 91/93 - Modica (RG)

Orario
tutti i giorni 10:00-13:00 e 17:00-20:00 (Lun chiuso)

Ingresso
gratuito

Totale voti: 177 - Rating: 3.7
Attenzione, non é possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine.

Descrizione

Dal 14 dicembre 2019 all’11 gennaio 2020 la galleria Lo Magno Arte Contemporanea di Modica (Ragusa) ospiterà la personale di Giovanni Blanco dal titolo “Paura della pittura” a cura di Gabriele Salvaterra. Giovanni Blanco (Ragusa, 1980) vive e lavora a Modica e Bologna, dove è stato allievo di Massimo Pulini all’Accademia di Belle Arti. “Paura della pittura” è il titolo di un testo dello scrittore e pittore Carlo Levi che, già nel 1942, metteva in discussione pratiche e stili pittorici, notando un allontanamento dalle ragioni e dalle problematiche dell’essere umano (“Il domani non si prepara con i pennelli, ma nel cuore degli uomini“). Dalle suggestioni e dagli stimoli offerti da quelle pagine ancora attuali prende le mosse l’idea della presente mostra. In un’epoca in cui la pittura sconfina dagli spazi espositivi in modo quasi pervasivo e riafferma il proprio diritto di comunicare, l’artista contemporaneo avverte la necessità di riflettere sulla natura del fare pittorico che continua a essere fonte di inquietudine, qualcosa di molto semplice e molto complesso, naturale e assurdo allo stesso tempo.

Il percorso ideato da Giovanni Blanco – comprendente una serie di opere a olio di piccole e medie dimensioni – si presenta come un’operazione analitica che imitando le forme del display espositivo e dei generi tradizionali interroga se stessa e l’osservatore sulla validità dell’esperienza estetica veicolata dalla pittura, in un’affascinante ricerca di nuovi significati e valori. La mostra è accompagnata da una pubblicazione in cui le immagini dell’autore, i testi critici del curatore e altre referenze d’archivio si rincorrono tra loro per restituire il clima, le riflessioni e la genesi che hanno portato alla realizzazione delle opere esposte. L’evento è realizzato con il contributo dell’Antica Dolceria Bonajuto di Modica e Ghibli general contractor di Ragusa

Mappa